Skip to content

Scorze candite

30 dicembre 2009
tags:

Le scorze candite non sono certo una mia invenzione ma hanno tutti i diritti per entrare nell’Ecocucina. Preparare le scorze candite richiede un po’ di tempo ma si tratta di una ricetta estremamente facile. Per cui se ad esempio avete preparato un’insalata di arance o anche semplicemente un’abbondande spremuta tenete da parte la  buccia e preparate questa ricetta.

Ingredienti

Buccia di 5 arance

600g circa di zucchero

100ml di acqua

Preparazione

Quando sbucciate le arance cercate di tagliare più vicino possibile alla polpa cercando così di recuparare anche la parte bianca. Lavate bene le scorze, tagliatele a bastoncini e asciugatele. Mettele in una pentola, riempitela di acqua fredda e mettete sul fuoco. Lasciate bollire per circa 5 minuti quindi scolate le arance e lasciatele raffreddare. Ripete il procedimento per altre 3 volte. Quindi pesatele e misurate la stessa quantità di zucchero. Calcolate 20g di acqua per ogni 100g di scorze. Per 5 arance dovreste avere circa 500g di bucce, 500g di zucchero e 100ml di acqua. Mettete lo zucchero e l’acqua in una pentola sul fuoco e quando lo sciroppo inizia a bollire unite le scorze. Lasciate cuocere, mescolando di tanto in tanto fino a quando lo sciroppo non sarà stato completamente assorbito (circa 1 ora). Togliete le scorze dal fuoco, stendetele su una gratella per farle raffreddare. Quando saranno fredde aggiungete lo zucchero (circa 100g), rigirate le scorze in modo che lo zucchero ricopra ogni scorzetta. Conservate in vasetti. Sono più buone dopo qualche giorno.

Lisca

4 commenti leave one →
  1. superluke permalink
    18 novembre 2010 14:23

    IMPORTANTISSIMO: utilizzate SOLO ed esclusivamente arance BIOLOGICHE!!

    Le scorze delle arance “normali” sono spesso trattate con prodotti chimici…

  2. 15 gennaio 2011 22:20

    brava,che ricette simpatiche ed intelligenti! come smaltire in maniera ecologica le bucci di frutta e gli scarti di verdure varie?aspetto suggerimenti,grazie.

  3. Flavia permalink
    4 marzo 2012 13:19

    Lisca, le stiamo provando tutte le tue ricette. Il biancomangiare all’arancia del tuo libro è semplicemente strepitoso. Ma per le scorzette mi servono alcune dritte: pur dopo aver fatto evaporare l’acqua restano molto ‘bagnate’ e tutte appiccicate tra loro. A te succede? Ho provato ad asciugarle in forno ventilato, vengono un po’ dure, buone e durano, ma certo il procedimento risulta molto meno ecologico. Come devono apparirte alla fine: morbide o croccanti? Anche se restano morbide e appiccicose, si conservano a lungo? Insomma, sbagliamo qualcosa oppure no?

Trackbacks

  1. 5 idee con quel che resta di 1 spremuta « Ecocucina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: