Skip to content

Risotto alla buccia d’arancia – da Daniela

15 marzo 2010

Questa ricetta è  di Daniela Cuzzolin, giornalista RAI, dedicata al suo bimbo Arturo. L’ho provata subito e mi è piaciuta moltissimo. Ho apportato qualche piccola modifica per renderla più eco. Gli ingredienti di base sono riso e un’arancia: il risultato è squisito. Ricetta per 2.

Ingredienti

180 g di riso vialone nano biologico

1 arancia non trattata

1 piccola cipolla o scalogno

1/2 bicchiere di vino bianco

50 g circa di formaggio

Olio extravergine

500 ml di brodo vegetale

Sale e pepe

Preparazione

In una pentola a pressione fate rosolare il riso in 2 cucchiai di olio extravergine fino a tostatura. Aggiungete uno scalogno o una piccola cipolla bianca tritata finemente. Lasciate cuocere per qualche minuto, aggiungete il succo dell’arancia e il vino bianco e fate evaporare a fiamma alta. Quindi aggiungete la buccia tritata a cubetti e mescolate. Versate il brodo, salate  e dal fischio contate metà del tempo indicato sulla confezione del riso. Trascorso il tempo di cottura (di solito meno di 10 minuti) lasciate sfiatare la pentola e mantecate con formaggio. Daniela suggerisce di utilizzare il taleggio, perfetto per bilanciare l’acidità dell’arancia. In caso non l’abbiate usate il Parmigiano grattugiato. Impiattate il risotto e completate il piatto con un filo di olio extravergine d’oliva.

 

7 commenti leave one →
  1. 16 marzo 2010 09:41

    Irresistibile!!!!

  2. Patrizia permalink
    3 febbraio 2011 00:20

    sembra buona, per renderla vegana è sufficiente togliere il formaggio oppure rimane troppo amara? grazie

    • 3 febbraio 2011 10:39

      Ciao Patrizia! viene bene anche senza formaggio, se dovesse risultare troppo amara fai sbianchire le scorze in acqua bollente prima di utilizzarle per il risotto. L’olio extravergine inoltre lo preferisco nettamente al burro nei risotti: sia per la tostatura che per la mantecatura finale.
      A presto

      Lisca

      • Patrizia permalink
        3 febbraio 2011 23:17

        Grazie Lisca!!

Trackbacks

  1. 5 idee con quel che resta di 1 spremuta « Ecocucina
  2. Finis ta soupe ! | Ünder-Construction
  3. Finis ta soupe ! | Über-Gourmet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: