Skip to content

Crostata di parti verdi di porro

21 aprile 2011

Una torta salata è sempre un ottimo modo per utilizzare qualche parte di scarto, soprattutto se si ha poco tempo e molte bocche da sfamare. Questa crostata di parti verdi di porro l’ho preparata per i miei amici che neanche ci fanno più caso se  a casa mia si mangiano bucce e gambi, anzi sembrano apprezzare perchè la crostata in questione è sparita velocemente.

Vi do la ricetta per una crostata, come sempre tutti gli ingredienti dovrebbero essere biologici o biodinamici.

Ingredienti

Per la pasta brisè:

200g di farina 00

100g di burro

70g di acqua

Per il ripieno:

Le parti verdi di 4 porri

150 g di formaggio a vostra scelta

2 uova

Timo

Sale e pepe

Preparazione

Partite dalla pasta brisè: impastando la farina con il burro e l’acqua ben freddi fino ad avere una palla liscia ed omogenea. Avvolgetela in un panno o un sacchetto per alimenti riciclabile e fatela riposare in frigo per mezz’ora. Nel frattempo lavate e asciugate i porri e tagliateli sottilmente. Metteteli in una padella con un filo d’olio e fateli saltare per qualche minuto. Quindi unite mezzo bicchiere di acqua o brodo vegetale e lasciate cuocere fino a quando l’acqua sarà evaporata. Lasciate intiepidire quindi incorporate le uova, il sale, il pepe e il formaggio. La scelta del formaggio determinerà il gusto della vostra crostata salata per cui usate pure quello che avete in casa ma tenete presente che il gusto cambia molto se state usando un erborinato rispetto a un formaggio stagionato a pasta dura. Io ho usato un caprino e l’abbinamento è davvero ottimo soprattutto se mangiate la crostata fredda. Scaldate il forno a 180°. Stendete l’impasto in modo da rivestire una teglia del diametro di circa 27 cm. Versatevi il composto e infornate. Lasciate cuocere per circa 30 minuti. Controllate la cottura con uno stecchino prima di sfornare.

In alternativa ai porri potete usare anche le parti verdi di cipollotto.

Lisca

7 commenti leave one →
  1. 22 aprile 2011 08:14

    mi piace la filosofia di questo blog.
    peccato averti scoperto solo adesso, ti seguo immediatamente!

  2. Anna Maria permalink
    22 aprile 2011 09:03

    D’ora in poi del porro non scarterò più niente!
    Con questo tuo blog sto scoprendo tantissime possibilità, grazie veramente. Qualche giorno fa, con la buccia dell l’ultima zucca che mi era rimasta, insieme a qualche patata, ho fatto gli gnocchi, niente da invidiare a quelli fatti con la polpa.

    • 27 aprile 2011 18:07

      Grazie Anna Maria, i commenti come il tuo mi fanno davvero felice e mi dicono che i miei sforzi, il cucinare di notte e lo sperimentare sempre ad ogni costo a qualcosa servono.
      Grazie ancora e a presto!
      Non dimenticarmi di mandarmi una tua ricetta se ti inventi qualcosa di interessante.
      Lisa

  3. admin permalink
    22 aprile 2011 12:21

    La proverò per PASQUA!
    Auguri!
    PS: che amici fortunati, come vorrei anche io non preoccuparmi se mangio gambi o bucce!!! 🙂

  4. DebBee permalink
    28 gennaio 2013 11:01

    Ho provato a fare la pasta brisé. Ho usato però 50% farina bianca e 50% farina di farro integrale. Dopo 35 minuti in forno mi sembrava cotta e quindi l’ho servita, ma… Forse non era molto ben cotta. Non so niente di cucina, ma ho il sospetto che forse la farina integrale necessiti di una cottura più lunga, possibile? Inoltre m’é sembrata un po’ insipida, cosa portei usare (non sale…) per insaporirla? Ultima domanda: posso sostituire il burro con olio d’oliva? Se sì, in che quantità?

  5. porzia permalink
    23 febbraio 2013 21:52

    ciao Lisca, oggi ti ho vista x la prima volta su rai uno, mentre preparavi le tagliatelle di porri e noci, l’ho preparata x pranzo ed ho avuto un buon successo, veramente buona e delicata, brava e grazie questa sera sono andata sul tuo sito che e’ molto interessante mi piacerebbe riuscire ad avere la ricetta del dado vegetale grazie e ciao una tua ammiratrice

    • 26 febbraio 2013 10:48

      Ciao Porzia,
      grazie a te! sono molto felice tu abbia provato a fare la mia ricettina con i porri.
      La ricetta del Dado la trovi qui, è sul blog come “Dado Granulare”: https://cucinaeco.wordpress.com/2010/08/11/dado-granulare-di-verdure-100-bucce/
      Nel blog trovi la versione più ricca ma puoi farla usando anche solo bucce di cipolla, foglie di sedano e bucce di carota. Puoi ridurre il quantitativo di sale se lo consumi entro 6 mesi.
      A presto
      Lisca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: