Skip to content

Semifreddo al pandoro e appunti dai pranzi delle feste

30 dicembre 2011
tags:

L’ultima ricetta del 2011, un dolce sontuoso ma anche di riciclo: un buonissimo semifreddo al pandoro! L’ho preparato a Santo Stefano con Pandoro e il mascarpone avanzato dal giorno di Natale.

Per me le festività sono soprattutto due cose: famiglia e cucina. Sono una delle rare occasioni in cui tutta la famiglia sparsa si riunisce e io faccio la mia parte cucinando per tutti. A Natale non sono mancati i cappelletti in brodo, immancabili in un pranzo di Natale in Romagna, come antipasto avevo invece preparato una mousse di funghi e melograno. Nella mousse di funghi si utilizzano tutte le parti del fungo ed è davvero un concentrato di bosco. A Santo Stefano invece: insalata russa allo yogurt, lasagne bianche ai funghi porcini, un’insalata con indivia, pere, noci e un’emulsione al miele e naturalmente semifreddo al pandoro di cui vi do la ricetta.

Questo semifreddo è un modo elegante per portare in tavola il pandoro e  trasformarlo in un elegante dessert, se per caso ve ne avanza qualche fetta. Questo dolce è tanto buono quanto calorico, ma credo che ne basti poco per appagare a lungo.

 

 

Ingredienti

200 g di pandoro

100 g di mascarpone

100g di panna da montare

1 cucchiaio di zucchero a velo

Preparazione

Montate la panna a neve. Frullate 2/3 del pandoro con lo zucchero a velo, mettetelo in una ciotola e mescolatelo al mascarpone. Incorporate la panna montata delicatamente. Tagliate il resto del pandoro a cubetti e distribuitelo sul fondo di uno stampo per dolci. Versatevi il composto e livellate bene. Riponete in freezer per almeno tre ore. Togliete dal freezer almeno 15 minuti prima di portare in tavola. Al momento di servire tagliate il semifreddo a fette e decoratelo a piacere con scaglie di cioccolato o frutta di stagione.

Il 31 dicembre potete ascoltarmi su Radio24 nel programma Il Gastronauta di Davide Paolini con consigli per un menù di capodanno antispreco.

Il 7 gennaio ricomincia invece la mia rubrica di cucina su RAI 1 dopo una breve pausa natalizia.

Buon 2012 a tutti!

Lisca

7 commenti leave one →
  1. icittadiniprimaditutto permalink
    30 dicembre 2011 08:41

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. lajla permalink
    30 dicembre 2011 20:00

    CIAO,che bella idea per utilizzare i resti del pandoro.Un dolce soffice,morbidoso.anche veloce da realizzare. AUGURI

  3. Marika permalink
    31 dicembre 2011 00:38

    buono buono il pandoro così riciclato, si può anche decorare con scorzette di arancia candita.
    buon 2012
    Marika

  4. Sebastian permalink
    31 dicembre 2011 10:41

    Ciao, complimenti per il sito, è una vera ispirazione!!!
    Mi piacerebbe sapere ,se è possibile, la ricetta della mousse di funghi e melograno e come hai preparato l’emulsione al miele.
    Un’altra cosa: sapresti dirmi se ci sono dei libri oppure blog/siti anche in inglese in cui spiegano come impiattare??
    Grazie mille!!!!
    Auguri!

    • 7 gennaio 2012 16:16

      Ciao Sebastian,
      per quanto riguarda il food styling ti consiglio questo libro in inglese: http://www.amazon.com/Food-Presentation-Secrets-Techniques-Professionals/dp/1554074916/ref=pd_sim_b_6/177-2297126-2491851
      A breve dovrebbe uscire anche un libro in italiano per migliorare la mis en place…tieni d’occhio le prossime uscite di Gribaudo Editore.

      La ricetta di mousse funghi e melograno è molto semplice: ti servono funghi freschi e /o surgelati, io ho usato pioppini e chiodini freschi e funghi porcini surgelati (complessivamente per 4 persone circa 600g). In una padella fai appassire uno scalogno tritato con un cucchiaio di burro. Aggiungi i funghi tagliati grossolanamente. Fai cuocere qualche minuto quindi condisci con sale e pepe e bagna con mezzo bicchiere di vino bianco. Fai cuocere fino a quando sarà evaporato completamente. Lascia intiepidire prima di frullare il tutto e unire a 90 g di burro. Lavora il composto in modo amalgamare bene in burro al resto. Disponi la mousse in un unico stampo o in più stampini e riponi in frigorifero per almeno un’ora prima di servire. Sforma nel piatto da portata e decora con chicchi di melograno. Servi con pane tostato.

      Per l’emulsione al miele metti in un vasetto un cucchiaio di miele, 1 di aceto, 3 cucchiai di olio extravergine, un cucchiaino di senape, sale e pepe. Chiudi il vasetto e agitalo bene in modo da creare un’emulsione spumosa. Usala per condire verdure, meglio se crude.
      A presto
      Lisca

  5. Donatella permalink
    5 febbraio 2012 17:09

    Ciao, provato, gradito e “spazzolato” oggi da tutti!
    Ti seguo da circa un anno e sto sperimentando un po’ delle tue proposte,
    le scorze di arance candite sono diventate dei graditissimi regali di Natale.
    Sono venuti benissimo anche la crema di carciofi,il plumcake alle arance e
    il dado, che ormai utilizzo x tutto.
    Grazie mille x le infinite proposte anti spreco,utilissime soprattutto in questi periodi.

    Donatella

Trackbacks

  1. Ecocucina: Consigli menu Capodanno - Ecocucina - Blog - Repubblica.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: