Skip to content

Orto primaverile: la mia Vignarola a base del Lato B di fave, piselli e carciofi

1 maggio 2013

vignarola di riciclo (1)

Grazie alla rubrica che da due anni tengo su RAI1 nel programma Uno Mattina in famiglia mi capita di andare spesso a Roma e gustarne la cucina in ogni stagione. È così che ho scoperto la Vignarola, un piatto buonissimo a base di ortaggi che è un vero inno all’orto e alla primavera. La ricetta tradizionale prevede infatti l’utilizzo di fave, piselli e  cuori di carciofo ed è un’esplosione di gusto oltre che un piatto sano e nutriente. Quella che vi propongo è una versione “Lato B” a base della parte meno nobile di fave, carciofi, piselli e cipollotti, il gusto sarà altrettanto gustoso, il costo sarà inferiore all’euro, la riduzione degli sprechi significativa. Considerando che dei carciofi si scarta intorno al 60%, di fave e piselli quasi il 70% e del cipollotto il 50%…fatevi due conti di quanto si risparmia a usarli al 100%.  Ricetta per 4

Ingredienti

Le foglie esterne e i gambi di 4 carciofi

200g di baccelli di piselli

300g di baccelli di fave

Qualche foglia esterna di lattuga

La parte verde di 2 cipollotti

Olio extravergine d’oliva fruttato intenso

Sale e peperoncino

½ bicchiere di vino bianco

4 Crostoni di pane per servire

Preparazione:

Lavate bene tutti gli ortaggi da impiegare nella ricetta, utilizzate la parte nobile come preferite e tenete da parte il Lato B (foglie, gambi, baccelli) per la vignarola. Pelate e tagliate a cubetti il gambo dei carciofi. Tagliate a julienne i baccelli delle fave e le foglie di lattuga. Tagliate finemente la parte verde del cipollotto. Portate a ebollizione una pentola d’acqua, quando raggiunge l’ebollizione sbollentate per qualche minuto tutti gli ortaggi tranne la parte verde del cipollotto. Centrifugate le foglie esterne dei carciofi e i baccelli dei piselli. In una pentola fate appassire con due cucchiai di olio la parte verde del cipollotto, aggiungete quindi il gambo del carciofo, i baccelli di fava e le foglie di lattuga. Bagnate con il vino bianco e lasciate sfumare a fuoco alto per circa 10 minuti mescolando. Unite quindi il succo di piselli e carciofi, salate, pepate e lasciate cuocere 20 minuti a fuoco basso. Se il composto dovesse asciugarsi troppo aggiungete qualche cucchiaiata dell’acqua di cottura delle verdure. Usate l’acqua in eccesso per preparare una minestra o una zuppa o in extremis per innaffiare. Servite la vignarola calda o tiepida come secondo insieme a crostoni di pane (agliati se vi piace). Ultimo tocco, se vi piace, una spolverata di semi a piacere, io ho usato quelli di canapa.

Potete vedermi realizzare questa ricetta sabato 4 maggio in diretta su RAI1 alle 7.35.

Video vignarola su Uno Mattina in famiglia Mi trovate al minuto 01:58:50

Lisca

9 commenti leave one →
  1. 1 maggio 2013 16:47

    “Lato B” come buono!🙂

  2. 1 maggio 2013 22:34

    Io dico che questa ricetta è veramente interessante, poi a me piace molto la verdura verde, da provare.Brava (come al solito…) abbraccio

  3. annamaria.rodofili permalink
    4 maggio 2013 07:28

    la voglio provare prestooooooo….ti ho conosciuto questa mattina nella trasmissione di RAI UNO e mi sei piaciuta moltissimo

  4. Matteo permalink
    4 maggio 2013 10:34

    Ricetta geniale! Considerando che adoro tutti questi ortaggi…
    Volevo chiederti una cosa a proposito dei carciofi: hai qualche idea su come utilizzare le foglie del carciofo? intendo proprio quelle attaccate al gambo. Se ho capito bene, le ricette che ho trovato qui riguardano i “petali” esterni del carciofo. Ma forse ho capito male.
    Grazie mille di una tua gentile risposta. E continua così, il tuo “Ecocucina” mi ha cambiato il modo di spendere e di vedere gli ortaggi.

    Matteo

    • 6 maggio 2013 08:59

      Ciao Matteo,
      ti confermo che le ricette a base di “foglie esterne di carciofo” riguardano in realtà i petali che chiamo impropriamente foglie. Per quanto riguarda le foglie attaccate al gambo sono invece estremamente amare. nelle normali ricette puoi usarle in piccole quantità. Le foglie hanno però elevate proprietà depurative del fegato per cui puoi centrifugarle e berne il succo per una potente azione disintossicante in alternativa puoi usarle per preparare dei decotti cuocendole in acqua bollente e poi bevendone l’acqua di cottura…magari con un cucchiaino di miele.
      a presto
      Lisca

      • Matteo permalink
        7 maggio 2013 16:37

        Ok, grazie mille! in realtà ho provato a utilizzare gli scarti dei cardi (foglie e fili) facendone una vellutata, mettendoci dentro una patata e un po’ di finocchietto e togliendo un po’ dell’acqua di cottura. Ovvio il sapore era molto forte, ma non mi è dispiaciuto (anche perchè adoro il sapore di cardi e carcofi). Penso che dovrebbe venire una cosa del genere, no? magari provo e vediamo che ne esce! cmq grazie mille della risposta!
        Matteo

  5. barbara permalink
    7 giugno 2013 11:12

    ciao, mi chiamo Barbara, e seguo con attenzione il tuo blog , di cui ti ringrazio, e spesso preparo le ricette che proponi, sempre buone e veloci … vorrei provare le ricette con i bacelli di piselli , ma una mia amica mi ha suggerito che potrebbero essere tossici … non ho trovato nulla in merito in rete. Tu hai per caso qualche notizia?

    • 8 giugno 2013 14:42

      Ti garantisco che storicamente i baccelli dei piselli sono sempre stati utilizzati e che non c’è alcun rischio tossicità. Se vuoi mandarmi eventuali link o articoli che dicono il contrario li sottoporrò volentieri ai nutrizionisti con cui collaboro.
      A presto
      Lisca

Trackbacks

  1. Mai provato a usare le foglie esterne dei carciofi? | Ecocucina

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: