Skip to content

Il mio regalo di Natale: Gazzosa fatta in casa

21 dicembre 2013

Cari amici di Ecocucina, il 2013 è stato per me un anno di grandi soddisfazioni e il vostro sostegno ha avuto un ruolo importante. Sono riuscita (anche se è stata dura) a finire di scrivere il mio quarto libro Autoproduzione in cucina per Gribaudo e ho registrato con grande soddisfazione e divertimento 12 puntate della prima stagione di Orto e mezzo per Laeffe in giro per l’italia. Questi ultimi giorni sono stati però un po’ meno fortunati, così mi ritrovo con un po’ di costole rotte (5) per una stupidissma caduta (da ferma…per di più in un orto), ma come mi hanno detto in ospedale: “di cadute intelligenti non ce ne sono mai”. In ogni caso bloccata come sono non posso cucinare nè condividere con voi tutti i progetti prenatalizi a cui  stavo lavorando. Anche il menu che avevo studiato per Natale sarà rimandato all’anno prossimo. Per non darmi all’alcol mi consolo con una buonissima gassosa autoprodotta che spero piacerà anche a voi. è una ricetta tratta dal mio libro Autoproduzione in cucina.

Gassosa naturale e al limone (Kefir d’acqua)

Questa gassosa non solo non contiene additivi chimici ma è ricca di fermenti e lieviti salutari per il nostro organismo. È buona, rinfrescante e si prepara con i granuli del kefir d’acqua. Basterà procurarli la prima volta, ma poi vi potranno durare per sempre. Potete cercare i granuli d’acqua (si acquistano online) o convertire parte dei granuli del kefir da latte (vedi ricetta a pag…) in kefir d’acqua, alias gassosa naturale. La differenza sostanziale è che nel kefir da latte i granuli si nutrono di lattosio, mentre in quello d’acqua di zucchero. Si può seguire questo procedimento anche per il kefir di soia.

 

Ingredienti

800ml d’acqua

50g di zucchero di canna grezzo

1 cucchiaio di granuli di kefir

Il succo di un limone

 

Preparazione

Granuli kefirPortate ad ebollizione l’acqua, aggiungete lo zucchero e scioglietelo mescolando. La scelta dello zucchero cambierà il gusto finale della gazzosa per cui provate le diverse varianti per trovare quella che vi piace di più. Lasciate quindi raffreddare fino a quando raggiunge la temperatura ambiente, per velocizzare il raffreddamento potete immergere la pentola in acqua fredda. Quindi versate in un barattolo di vetro, unite i granuli, mescolate e coprite con un panno pulito o con un tovagliolo di carta fissato con un elastico. Riponete in un luogo buio e a temperatura ambiente e lasciate fermentare per 48 ore. Trascorso questo tempo filtrate il kefir attraverso un colino in modo da raccogliere i granuli. Aggiungete al kefir filtrato il succo del limone, versate in un bottiglia (anche riciclata) di plastica senza riempirla completamente, devono restare almeno due dita libere. Chiudete con un coperchio/tappo e riponete al buio a temperatura ambiente per massimo 3 giorni. In questa fase si svilupperà la CO2 che renderà frizzante la gazzosa. Riponete le bottiglie in frigorifero e consumatele entro un mese. Gustatele al naturale, aggiungendo succhi di frutta, scorze di limone o provando una variante alla frutta. Per produrre nuova gassosa ripartite da capo con acqua, zucchero e granuli per fare del nuovo kefir d’acqua. Per fare il kefir al latte di soia seguite lo stesso procedimento sostituendo l’acqua con il latte di soia senza aggiungere il succo di limone.

Tanti auguri di BUONE FESTE a tutti gli amici di Ecocucina!

Lisca

5 commenti leave one →
  1. Emanuela Rota permalink
    23 dicembre 2013 15:39

    Complimenti per il nuovo libro, vado di corsa in libreria VOGLiO il dadooooo!!!!! Spero tu stia meglio e che ti riesca a godere un bel Natale, a presto Emanuela

    Inviato da iPad

  2. 23 dicembre 2013 16:46

    Guarisci presto … se no vado in crisi di astinenza !!!

  3. Donatella permalink
    29 dicembre 2013 19:04

    Ciao, per Natale mi sono regalata il tuo nuovo libro e ti faccio di cuore i miei complimenti. Veramente bello, spiegato molto bene e soprattutto utile! Penso proprio che proverò ad autoprodurre qualcosa. Da circa un paio di anni delizio già amici e parenti con il dado granulare, le scorze d’arancia candite e la crema di carciofi che ho tratto da ECOCUCINA. Ora devo proprio sperimentare qualcos’altro!
    Auguri per il nuovo anno e per una buona guarigione
    Donatella

  4. 30 dicembre 2013 17:08

    Cara Lisa, il più bel regalo sotto l’albero sono stati i tuoi 4 libri! Autoproduzione, non spreco e sostenibilità sono da un pezzo tra i miei obbiettivi principali ed ora che ti ho trovata come “alleata” sento che la strada è più praticabile 😊 Avrei qualche chiarimento da chiederti, ma nn so quale sia il luogo più adatto per sottoporteli ☺️☺️☺️
    Comunque complimenti x il tuo magnifico lavoro, Buone Feste e soprattutto auguri di pronta guarigione!
    Con stima e affetto
    Sandra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: